MUSICA DA CAMERA
IL DUO CON MAURIZIO BAGLINI

 
 

"Condividere, comunicare, assecondare, ascoltare, mettersi al servizio. Questi sono i verbi ricorrenti della 'mia' musica da camera.

 
 

Sono felice di aver fatto, durante tutto il mio percorso musicale, molte esperienze nella musica da camera. Ho fatto parte del Trio Italiano assieme a Sonig Thakerian e Giovanni Battista Rigon per tanti anni ed eravamo il trio giovane di riferimento in Italia.

 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
chiesa - web - photo 33.png
 

Ho collaborato con molti solisti e cameristi della scena internazionale. La cameristica ha segnato positivamente la mia capacità di ascoltare e di individuare l’idea interpretativa dei colleghi con cui suono. Certamente, questo mi ha aiutato anche nell'attività solistica, per concepire il concerto con orchestra come una esperienza non individuale, ma di aggregazione ad un gruppo. Il solista diventa così protagonista e leader di un discorso musicale condiviso con le singole individualità dell’organico orchestrale.

 
 


La formazione più piccola, ma più solistica, nella musica da camera è, per un violoncellista, il duo con pianoforte.

 

Ho avuto la fortuna di incontrare Maurizio Baglini e da quel momento mi risulta difficile poter immaginare un suono pianistico differente. La sua capacità di assecondare le mie esigenze timbriche, la sua straordinaria tecnica pianistica e la sua abilità nell’accompagnare, quando necessario, senza perdere lo smalto solistico, rappresentano capacità che donano al nostro duo qualcosa di unico.
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
chiesa - web - photo 35.png

La nostra continua ricerca sul repertorio - abbiamo all’attivo più di settanta opere per cello e pianoforte - rende il duo estremamente duttile nelle varie interpretazioni.
 

 

Abbiamo ricevuto l’attenzione di molti  compositori, che ci hanno dedicato brani pensati e creati per il duo, con l’intento di valorizzare le nostre caratteristiche di solisti che fanno musica insieme.

Con Baglini abbiamo suonato nei cinque continenti, abbiamo registrato vari CD e siamo musicisti fondatori e residenti dell'Amiata Piano Festival.

 

Sono ormai dodici anni che collaboriamo: non vi è mai stato un momento di stanchezza. La stima profonda che ci unisce rende qualsiasi progetto da noi pensato qualcosa con un 'marchio' davvero indelebile."

Silvia Chiesa